Agricoltura insieme: la lombricoltura come laboratorio di incontri e scambi!

Durante il mese di novembre del 2017, abbiamo finalmente avviato il nostro primo progetto sociale: un laboratorio di lombricoltura nato dalla collaborazione tra BioSS ed il GUS Gruppo Umana Solidarietà “Guido Puletti”.

Il GUS è un’Organizzazione non Governativa (ONG) riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri italiano che gestisce progetti di seconda accoglienza integrata a favore dei richiedenti e dei titolari di protezione internazionale e umanitaria all’interno del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR). In particolare, il GUS gestisce il Progetto SPRAR “Fallu Baddà”, il cui Ente Titolare è il Comune di Sassari.

L’idea di avviare un tale percorso origina dai principi base su cui è fondata la nostra azienda: rispetto per la Natura e  l’Essere Umano, tutela e recupero degli Ecosistemi (compresi quelli agricoli), scelte consapevoli e responsabili. Ecco che quindi, in modo del tutto naturale, ci siamo ritrovati immersi in questa nuova ed incredibile avventura!

I 5 ragazzi coinvolti hanno provenienze, esperienze ed età differenti ma una caratteristica li accumuna: il desiderio di avere un obiettivo, una motivazione importante, un’opportunità!

Mustapha, Festus, Ibrahim, Lamine e Moussa partecipano alle attività teoriche e pratiche con curiosità, interesse e tanta buona volontà; sanno perfettamente che questo laboratorio è finalizzato all’acquisizione di competenze fondamentali per l’inserimento di nuove figure professionali nel mercato delle attività agricole, pertanto lo vivono con estremo entusiasmo.

Oggi più che mai, infatti, l’agricoltura rappresenta uno dei comparti economici caratterizzati da un potenziale occupazionale estremamente elevato e, contestualmente, contribuisce attivamente sia alla lotta alla disoccupazione sia all’attrazione delle nuove generazioni. Parallelamente, l’incremento delle presenze straniere nella nostra Isola rappresenta una reale opportunità, in particolare per le aree rurali e le attività imprenditoriali che in esse operano.

In questo scenario, i concetti di accoglienza, formazione e creazione di nuove opportunità lavorative trovano un preciso equilibrio: da una parte, la necessità di rivitalizzare le aree rurali, collaborare con attività agricole giovani di nuova creazione e la prospettiva di nuove introduzioni nell’ambito delle stesse; dall’altra, l’incentivazione dei processi di convivenza ed azioni di contrasto nei confronti di situazioni di sfruttamento o marginalizzazione dei nuovi arrivati.

La nostra avventura Sardo-Africana va avanti, lavoriamo in un clima sereno, allegro, di confronto e conoscenza delle reciproche realtà. Noi insegniamo loro un nuovo lavoro e li introduciamo ad un approccio consapevole dell’agricoltura sostenibile ed i ragazzi collaborano attivamente allo sviluppo di BioSS, ancora giovane ma con grandi obiettivi da raggiungere… insomma, siamo una grande squadra!

Presto vi racconteremo un po’ di più dei nostri “Magnifici 5” e vi terremo aggiornati sugli sviluppi futuri.

Stay tuned!

Please follow and like us:
error