L’alimentazione di Eisenia

È dall’alimentazione dei nostri lombrichi che dipende l’ottenimento di eccellenti ammendanti dal riciclo dei nostri scarti domestici.

 

COSA SOMMINISTRARE

In realtà, questi piccoli animali adorano i comuni scarti delle nostre cucine, in particolare vegetali e frutta; nonostante ciò, bisognerebbe tuttavia evitare alcuni alimenti quali:

  • riso, pasta, pane, grano e avena e tutti quegli alimenti che potrebbero produrre un innalzamento della temperatura nella lombricompostiera;
  • carne e prodotti lattiero-caseari;
  • cipolla, pomodoro ed agrumi possono causare problemi;
  • frutti tropicali, come l’ananas o la papaya pare contengano enzimi che possono danneggiare i lombrichi;
  • deiezioni di animali da compagnia (come cani o gatti), per motivi igienico-sanitari, devono essere trattati prima di essere somministrati.
QUANDO, QUANTO ED IN CHE MODO

L’alimentazione deve avvenire con cadenza settimanale, con quantità equivalenti almeno al peso dei lombrichi messi a dimora, riponendo i nostri scarti sulla superficie della lombricompostiera: loro faranno tutto da soli, senza necessità del nostro intervento!

Quando si è pronti a somministrare nuove quantità di alimento, è bene verificare che il cibo precedentemente fornito sia stato completamente consumato:

  • se dovesse essere ancora presente, attendere che venga completamente consumato;
  • se la lettierina non dovesse presentare più scarti, procedere con la somministrazione e, di volta in volta, aumentare lievemente le quantità.

Con il passare del tempo, infatti, la popolazione dei tuoi lombrichi aumenterà, motivo per cui sarà necessario aumentare piano piano la quantità di alimento somministrato.